Social Networks in Italy

By Manu Venditti | Advanced

Gli italiani e i Social Network

Gli utenti dei Social Media sulla Terra sono più di 3 miliardi: quasi la metà della popolazione mondiale, quindi, è presente su almeno un canale e lo utilizza quotidianamente. Anche gli italiani fanno parte di questa popolazione dell’era tecnologica, infatti le statistiche rivelano che ben più della metà della popolazione italiana è collegata almeno ad una delle più celebri piattaforme internazionali.

Click for English

Com’è facile immaginare, Youtube, Facebook, Whatsapp ed Instagram sono i Social Media più amati dagli italiani.

Click for English

Il Social più usato in assoluto è quello di fatto “meno social” di tutti: Youtube. Qui gli italiani cercano veramente di tutto perché, obiettivamente, è una vera e propria “finestra affacciata sul mondo” dove si comunica poco ma si può apprendere tanto. È una piattaforma che offre informazioni, intrattenimento e recensioni di ogni tipo di prodotto (molto utili prima di effettuare un acquisto). Non va inoltre scordato che Youtube rappresenta anche una fonte inesauribile di video di istruzioni per l’utilizzo di materiali tecnologici. L’età media degli utilizzatori è molto variabile anche se la fascia che più vi è affezionata va dai 24 ai 44 anni, ovvero quella della generazione non solo più attiva e avida di informazioni, ma anche quella che ha maggior confidenza e libertà di accesso a internet. I video più ricercati  riguardano la cucina e lo sport, a dimostrazione che gli italiani, anche quando si danno alla tecnologia, alla fine continuano ad avere sempre le stesse passioni.

Click for English

Passando al mondo dei Social più propriamente tali, la medaglia gli italiani la assegnano a Facebook: gli utenti che lo utilizzano sono circa 34 milioni e aumentano di giorno in giorno con incredibile velocità. Almeno la metà di questi vi accede principalmente attraverso dispositivi mobili e lo fa spesso mentre si dedica anche ad altre attività. Il risultato è che mediamente un italiano trascorre ben 4 ore della propria giornata su questo Social.

Click for English

Andando a vedere le fasce di età, si vede come le persone con più di 24 anni controllino il loro account Facebook in maniera discontinua e non siano grandi condivisori, ma piuttosto guardino il flusso di contenuti e si limitano a commentare e condividere. I giovani invece sono molto fedeli. Il 61% controlla costantemente i nuovi contenuti, ovunque si trovi, e il 41% ne carica più volte al giorno. Facebook è diventato lo strumento usato per svagarsi per eccellenza, ma anche per tenersi in contatto con amici e parenti o per essere aggiornati su quello che accade nella propria città. È come andare al bar per fare due chiacchiere, scherzare e sentire le ultime novità. Quel che colpisce particolarmente, è che gli italiani stanno prendendo però l’abitudine di condividere post in cui mettono letteralmente in piazza anche le questioni più private ed i pensieri più reconditi, quasi che al di là di uno schermo fosse più facile dire cose che - faccia a faccia - nessuno oserebbe gridare ai quattro venti.

Click for English

Un uso sempre più spregiudicato di Facebook, inoltre, chiama in causa una seria problematica sociale: innanzitutto, il rischio principale è che progressivamente la vita virtuale prenda il posto della realtà. Ciò che viene pubblicato su Facebook viene considerato vero a prescindere, come una veritiera rappresentazione della realtà. Questo fa sì che, da un lato, molti tendano ad esibire una identità virtuale che è molto distante da quella reale e, in seconda battuta, che possano proliferare e diffondersi una valanga di notizie false che molti utenti prendono per buone, attribuendo ai post di Facebook una veridicità assoluta.

Click for English

Instagram in Italia è molto meno utilizzato di Facebook e di solito solamente in associazione a quest’ultimo: fondamentalmente gli italiani hanno l’abitudine di pubblicare foto su Instagram che vengono automaticamente trasferite anche sul loro profilo di Facebook, solitamente con l’uso di un hashtag autoreferenziale, cioè il cui unico scopo è accrescere la popolarità dell’autore del post.

Click for English

Se alcuni ancora sono refrattari all’uso dei Social, invece l’utilizzo delle applicazioni di messaggistica istantanea è diventata una consuetudine per gli italiani. Benché ne esistano numerose, Whatsapp regna incontrastato; ha conquistato anche coloro che non utilizzano alcun altro Social Media. 

​Click for English

Whatsapp ha sostituito gli SMS, poveri di funzioni, aggiungendo al testo un mondo di contenuti possibili: immagini, video, audio ed emoticons. Ecco perché il nuovo modo di messaggiare ha convinto anche quella parte di popolazione che non vuole rinunciare alla ricchezza espressiva che i Social media hanno introdotto, ma che, nel contempo, non desidera esporsi ad un pubblico ampio ed indistinto. L’indipendenza di questo sistema di messaggistica da ogni altra piattaforma, lo ha reso in Italia il re di queste applicazioni. Per questo motivo ha battuto clamorosamente Facebook Messenger la cui utenza è meno sviluppata perché inizialmente imponeva l’iscrizione a Facebook per poter essere utilizzato.

​Click for English

In conclusione gli italiani sono un popolo dall’indole socievole da sempre: non poteva quindi non conquistarli il fatto di poterlo essere a livello tecnologico.

​Click for English

To help you make the most of this content, we've created a complimentary PDF with the bilingual text and the Glossary

Looking for a Structured, Ongoing program to Learn Italian? Check out 'From Zero to Italian' then!