“La Biennale di Venezia” [Podcast #5]

By Manu Venditti | Advanced

la Biennale di Venezia

Play the Episode! 

Rieccoci qua! Benvenuti a  un nuovo episodio di Italy Made Easy Podcast. Non ho parole per ringraziarvi di tutti i bei commenti che avete fatto sulla qualità e l’utilità di questo podcast! Grazie mille. Grazie a tutti! Grazie a te. Sì sì, parlo con te! Anche se non mi hai scritto, il semplice fatto che tu mi stia ascoltando, significa molto per me. Ovviamente io e il team di Italy Made Easy siamo felicissimi di produrre contenuti unici e di alta qualità, ma la cosa che conta di più è che tutto quello che produciamo e condividiamo, ti è utile, ti aiuta ad imparare e migliorare l’italiano. Seriamente… la soddisfazione più grande che mi date voi studenti è quando mi dite che, grazie proprio ai contenuti di Italy Made Easy, avete imparato ad esprimervi meglio in italiano, e a capirlo con meno difficoltà! Quindi, prima di cominciare con questo nuovo episodio (in cui parleremo di arte), ti voglio fare i complimenti! Ascoltare materiali complessi come questo Podcast richiede molta passione e anche una dedizione notevole… ma sono proprio queste due cose (passione e dedizione) che ti permetteranno, molto presto, di poter dire che parli correntemente l’italiano! O forse già lo fai? Un sospetto ce l’ho… eh eh! Comunque sia, di nuovo, congratulazioni e buon divertimento con questo Podcast!

Buongiorno a tutti voi, cari studenti! Sapevate che il vostro insegnante di italiano, Manu Venditti, è un po’ filosofo?

Vi siete spaventati? No, tranquilli… il fatto è che oggi ho visto i lavori di un artista di strada e mi sono ritrovato a riflettere su quanto noi esseri umani siamo in grado di creare cose attraverso le quali trasmettiamo i nostri sentimenti… le nostre emozioni… le nostre opinioni!

E da questo pensiero sono arrivato alla decisione di parlarvi di arte oggi… perché alla fine l'arte è proprio questo, no? … L'espressione estetica dell'animo umano… con un linguaggio fatto di parole, di suoni o di immagini, un artista esprime le proprie emozioni, i propri stati d'animo… le proprie idee… la propria visione del mondo, della società, della morale!

Ok... Molti tra i più grandi Maestri dell'arte del passato erano italiani… i musei, le gallerie italiane sono colme di grandi opere d'arte di questi grandi uomini… ma anche il resto del mondo lo è… vi sfido a trovare un museo che non abbia almeno un'opera di un grande artista italiano!

Tuttavia l'arte non è un'esclusiva italiana, ovviamente… ma un vero e proprio patrimonio dell'umanità… L'Italia è un Paese d'arte… su questo non ci sono dubbi… in ogni angolo d'Italia esiste qualcosa di artistico… E gli italiani lo sanno bene… amano l'arte… ma non solo la propria! … E sanno anche un'altra cosa: sebbene sia innegabile che nel passato – vicino o lontano – siano vissuti artisti incredibili, il bello dell'arte è che non si ferma mai!

Finché esiste l'essere umano, esisterà l'espressione artistica! … l'uomo si evolve? Esiste il progresso? Cambiano le mode?... certo… noi siamo abituati all'evoluzione… anzi, talvolta ne siamo anche vittime… compriamo un capo d’abbigliamento… o anche un oggetto tecnologico e nello stesso momento in cui lo teniamo in mano già sappiamo che tra un mese o un anno sarà vecchio o quantomeno superato da una sua versione nuova.

Lo stesso discorso vale per l'arte. Non possiamo non ammirare le creazioni dei grandi artisti del passato… ma è innegabile che anche oggigiorno in mezzo a noi vivano degli artisti e … chissà?... magari tra un secolo i nostri discendenti parleranno di loro nello stesso modo in cui noi oggi parliamo di Michelangelo… con stupore e ammirazione!

Una delle città italiane che, oltre ad essere in sé stessa un'opera d'arte, è da più di un secolo la eccezionale vetrina delle nuove creazioni artistiche è Venezia.

Ok… se ci siete stati… o se avete anche solo sfogliato un libro di viaggi… sapete che Venezia è stracolma di musei e gallerie d'arte… ma forse quello che non sapete è che è anche la sede di una delle più famose manifestazioni di arte contemporanea al mondo: la Biennale di Venezia… questo è il suo nome… anche se di solito noi italiani la chiamano solo “la Biennale”... perché si sa che è a Venezia.

La Biennale di Venezia è tra le più antiche, importanti e prestigiose rassegne internazionali d'arte contemporanea al mondo! È nata alla fine dell'800 ed ha sempre avuto uno scopo ben preciso: promuovere le nuove tendenze artistiche di arte contemporanea a livello mondiale… un compito davvero importante, no?

Vi chiederete forse perché si chiama “biennale”... bè, molto semplice… perché questa manifestazione si tiene ogni due anni… e in italiano quando usate la parola “biennio” intendete dire “due anni”.

In realtà oggi la “Biennale” non è solo una mostra d'arte… è un vero e proprio ente che si occupa di molte forme d'arte diverse: non solo quadri o statue insomma… ma anche danza, musica, teatro, cinema! ... ovviamente tutti contemporanei, cioè in forme nuove, innovative, diverse da quelle tradizionali! … e tutto ciò che passa per la Biennale è inedito, cioè non è mai stato visto prima!

Le attività e le forme d'arte sono talmente tante che in realtà ognuna ormai ha un suo evento distinto dagli altri… e in alcuni casi anche se si parla di “biennale” la manifestazione si tiene ogni anno.

La rassegna di arti figurative continua ad essere fatta ogni due anni… e potete ammirare delle opere davvero originali… certo… bisogna intendersi un po' di arte per apprezzarle davvero… ammetto che in certi casi in effetti le opere esposte possono sembrare un po' strane o incomprensibili… non so quanti di voi siano esperti d'arte… ma se avete visto almeno una volta una mostra di arte contemporanea, avrete già capito che cosa intendo dire.

L'arte non trasmette mai i propri messaggi chiari e tondi: l'arte non si limita a mostrarvi una rappresentazione del mondo così com'è… un'opera d'arte vi mostra come il suo creatore vede la realtà e lo fa giocando con voi, con le vostre emozioni… esistono opere che ad ogni persona trasmettono un messaggio diverso, influenzato da ciò che lo spettatore è o pensa...

Di solito non trovate grandi spiegazioni a ciò che vedete… forse perché l'arte non va spiegata… va “sentita”... molti anni fa ho avuto occasione di parlare con un autore di opere contemporanee che mi ha detto una cosa molto saggia: “se un'opera d'arte ha bisogno di spiegazioni, allora ha fallito il suo compito!”

Quindi se decidete di andare a vedere una “Biennale d'arte” preparatevi a mettere in discussione voi stessi e anche ad accettare modi impensabili di rappresentare la realtà o di lanciare un messaggio!

… per dirla un po' brutalmente, insomma, se avete una concezione dell'arte un po' tradizionale, temo che la Biennale d'arte non faccia per voi… ma… io credo che almeno una volta si debba provare… talvolta rimaniamo stupiti di noi stessi… e chissà che, contro ogni nostra previsione, l'arte contemporanea della Biennale non riesca a conquistarci?!?!

Ma… se dubitate di poter cambiare… se proprio non amate l'arte contemporanea? Nessun problema comunque! C'è sicuramente almeno un altro evento (in questo caso “annuale”) organizzato dalla “Biennale” che è importante quanto famoso… tanto che probabilmente molti di voi ne avranno già sentito parlare: la Mostra internazionale d'arte cinematografica… più comunemente chiamata “Festival del cinema di Venezia”.

Questo non lo sapevate vero? Ebbene sì… anche il celebre Festival del Cinema fa parte della cosiddetta “Biennale di Venezia” di cui vi sto parlando… e… lo dico con un certo orgoglio… è il festival cinematografico più antico del mondo! … l'unico premio cinematografico che lo batte per anzianità è l'Academy Award (che gli italiani conoscono con il nome di “notte degli Oscar”) che è nata due anni prima!

Al Festival di Venezia il premio principale che viene assegnato è il “Leone d'oro”... insomma le statuette che rappresentano il premio ricordano il simbolo di Venezia, cioè il leone alato della Basilica di San Marco… ed è considerato uno dei riconoscimenti più importanti dal punto di vista della critica cinematografica.

Il Festival del cinema in effetti è forse la manifestazione più amata ed apprezzata della Biennale… ogni anno, tra la fine di agosto e l'inizio di settembre, Venezia viene invasa (più del solito… insomma… non credo che esista un momento dell'anno in cui Venezia sia deserta!!) ... Venezia viene invasa da migliaia di turisti ed amanti del cinema che fanno a gara per procurarsi i biglietti per assistere alle proiezioni di film inediti...

Ecco… questa è forse una delle cose più belle di questo festival: chiunque può entrare… anche se… certo… i giorni in cui sono in programma le proiezioni dei film più attesi… magari alla presenza di famosi registi o di famosissimi attori… riuscire a procurarsi un biglietto d'ingresso è dura, nel senso che hanno prezzi abbastanza alti e vi costringono a fare lunghe e stancanti code al botteghino… ma non è una missione impossibile! Quindi se siete amanti del cinema e magari volete vedere in anteprima un film che ancora non è nei cinema pubblici… armatevi di pazienza, andate a Venezia e non rimarrete delusi!

Bene… spero che anche oggi abbiate scoperto qualcosa di nuovo… in questo caso un lato di Venezia meno scontato… dove per una volta le gondole e i ponti non c'entrano niente!

Perfetto, anche questo episodio è finito! Ma la tua pratica non deve finire qui! Ascolta l’episodio un paio di volte, prima di leggere la trascrizione e fare le attività di comprensione. E, visto che hai il testo a disposizione, ti consiglio di usare questo materiale per fare un esercizio di Shadowing. Cos’è Shadowing? Bè, è un’attività difficilotta ma molto utile che ti può aiutare moltissimo a migliorare la tua pronuncia ed intonazione. L’obiettivo di Shadowing è di poter leggere un testo simultaneamente allo speaker di madrelingua. In pratica, devi cercare di leggere questo testo con la stessa pronuncia, la stessa intonazione, la stessa velocità mie! Ovviamente non è una cosa facile, anzi, come ho detto, è molto difficile, ma la cosa importante è provarci! Quindi, cominciando dalla pronuncia delle singole parole, proseguendo con la pronuncia di gruppi di parole, e poi con la lettura di frasi intere, e poi paragrafi etc etc… col tempo riuscirai a fare uno shadowing perfetto di Manu! Ora ti lascio e ci sentiamo nel prossimo episodio!

Looking for a Structured, Ongoing program to Learn Italian? Check out 'From Zero to Italian' then!