Regional Italian & Dialects: SICILIAN; Italian Listening & Comprehension Excercise [Video in slow Italian]

By Manu Venditti | All Levels

Italian listening & comprehensioN

Episode 20 - Regional Italian & Dialects: Sicilian

Studi l'italiano e vuoi fare pratica?
Questo episodio di caffè italiano con Manu è fatto apposta per questo.
Ciao a tutti, buonasera o buongiorno.
Benvenuti a un nuovo episodio di caffè italiano con Manu dove io, Manu Venditti, di Italy Made Easy, ti offro di solito 15 minuti ma oggi di più di intrattenimento in italiano lento così tu puoi seguire, capire e partecipare nella chat se guardi questo dal vivo.
Se guardi questo dopo puoi comunque interagire nei commenti e noi ti rispondiamo.
Vorrei salutare chi è qui con noi da tutto il mondo.
Vediamo... abbiamo già 98 studenti qui dal vivo.
Nella chat c'è molto fervore.
Di che cosa parliamo oggi?
Oggi ho una... come si dice in italiano ho una chicca, una cosa speciale, una cosa molto particolare perché cominciamo una serie di episodi di caffè italiano con Manu dal vivo con i sottotitoli dove parliamo di italiano regionale.
E un po' anche di dialetti italiani.
Che significa?
Manu che cos'è l'italiano regionale?
Questa è una cosa molto importante per te che sei studente di italiano perché tu studi l'italiano standard, cioè l'italiano che viene usato nella stampa, nella televisione generalmente, nell'istruzione, quindi i libri, eccetera eccetera.
Ma noi italiani parliamo tutti un italiano relativamente più o meno regionale, cioè un italiano che è influenzato dal dialetto che noi parliamo o i dialetti.
Manu, ho paura dei dialetti.
Non devi aver paura dei dialetti.
I dialetti sono una cosa bellissima dell'Italia, una parte integrante della cultura italiana, ma non sono un problema per te.
Perché?
Ti spiego.
Noi italiani parliamo tutti, 99%, parliamo tutti l'italiano.
Ma il 70% di noi italiani è sostanzialmente bilingue perché la prima lingua che noi parliamo, le prime parole che diciamo e la lingua che spesso utilizziamo con la famiglia non è l'italiano standard ma è o il dialetto o un forte italiano regionale.
Quindi che cos'è l'italiano regionale?
L'italiano regionale non è altro che l'italiano standard che noi parliamo quando sappiamo bene l'italiano tutti e... ma utilizziamo alcuni vocaboli, alcune parole e a volte anche la grammatica, ma soprattutto la pronuncia del nostro dialetto.
Quindi oggi ho un'ospite speciale, una ragazza che mi aiuta molto con Italy Made Easy Academy, si chiama Giada, la conosciamo fra poco e lei è siciliana.
Quindi lei parla naturalmente italiano ma io che sono italiano se io ascolto Giada, quasi subito capisco che lei è siciliana.
Ma perché?
lo scopriamo oggi.
Ti ricordo Giada parla italiano perfettamente, io parlo italiano perfettamente.
Ma un... una persona italiana che ci ascolta subito identifica la zona d'Italia dalla quale proveniamo, che sia il nord, il nord est e il centro e il sud.
Quindi ci siamo.
Siamo pronti a conoscere Giada.
Io vorrei vedere quanti siete.
Siamo 165 studenti dal vivo, ottimo.
Nella chat continuano le chiacchierate sull'italiano regionale e io... non ti ho detto perché non ti devi preoccupare del dialetto.
Poi ne parliamo anche con Giada ma il diretto non è un problema per vari motivi.
1: Praticamente tutti parliamo anche l'italiano standard.
Quindi quando noi parliamo con uno straniero, con uno studente, con una persona non italiana sappiamo che dobbiamo usare l'italiano standard.
Quindi non è un problema.
Il prob... la verità dei dialetti è che alcuni dialetti sono così diversi dall'italiano che neanche noi italiani li capiamo.
Oggi facciamo qualche esempio con Giada che parla un dialetto della Sicilia.
Un dialetto della Sicilia, non il siciliano ok?
Perché questo è il bello.
Ma vorrei introdurvi Giada per fare qualche domanda a Giada e per scoprire qualcosa su il dialetto che lei parla in Sicilia e sull'italiano regionale che lei parla e come fai tu studente di italiano a capire che una persona è siciliana anche quando parla italiano.
Quindi io devo ricorrere al mio bruttissimo auricolare, così, per poter parlare con Giada.
E adesso ve la presento.
Dove sta, dove sta?
Eccola, buona sera Giada.
[Giada]: Ciao Manu e ciao a tutti.
[Manu]: Grazie mille per la partecipazione a questo evento dal vivo e... come stai?
[Giada]: Io sto molto bene, [...].
[Manu]: Però questo era dialetto ma io l'ho capito.
Voi ragazzi avete capito?
Può ripetere Giada?
[Giada]: Ho detto [...].
[Manu]: Allora, nella chat scrivete in italiano che cosa ha detto Giada.
Vedo che "sì, ho capito" dice Dragana.
Questo è... era facile, ok.
Allora parliamo innanzitutto, tu chi sei?
Perché noi ci conosciamo?
[Giada]: Noi ci conosciamo perché io partecipo alle chat durante le ore 18 di Italy Made Easy e sono disponibile insieme a Cristiana a far praticare agli studenti l'italiano.
Quindi faccio parte del tuo team.
[Manu]: Esatto, Giada fa parte del team di Italy Made Easy.
E se voi volete parlare con Giada la trovate sui Italy Made Easy usando la nostra chat, il nostro servizio di chat dove puoi parlare in italiano tutti i giorni.
Ma ora parliamo prima del tuo dialetto.
Che dialetto parli?
[Giada]: Io parlo il dialetto catanese, ovvero di catania che si trova a est in Sicilia.
[Manu]: In Sicilia, vicino al vulcano... [Giada]: Etna.
[Manu]: Il vulcano Etna.
Allora quindi tu parli il catanese.
[Giada]: Catanese.
[Manu]: E secondo te quanti dialettici ci sono in Sicilia?
[Giada]: Allora ce ne sono davvero tantissimi.
Una particolarità dell'Italia è che quasi da un chilometro all'altro si parlano sfumature diverse di dialetti diversi.
Quindi dicendo siciliano in realtà si indicano tanti dialetti differenti.
[Manu]: È vero.
[Giada]: Il mio è solo uno dei tanti.
[Manu]: È uno dei tanti.
Io mi tolgo questo che ascolto la mia voce, non riesco a parlare.
Io per esempio... io sono di un paese forse voi sapete che si chiama nettuno.
A nettuno c'è un dialetto.
Il dialetto nettunese è parente, è della famiglia del dialetto napoletano.
Anche se nettuno è a Roma praticamente.
A un chilometro da nettuno c'è un altro paese che si chiama Anzio che... dove parlano un dialetto che è invece parente del romanesco e quindi un dialetto di Roma e abbiamo un chilometro di distanza, siamo... cammini e cambi cambi lingua praticamente.
[Manu]: Ed è interessantissimo, questo è bellissimo.
[Giada]: Eh sì, è proprio una delle particolarità dell'Italia.
Però... [Manu]: Ed è bellissima.
[Giada]: Come dicevi tu all'inizio, noi italiani capiamo sempre quando una persona è del nord, del centro o del sud.
[Manu]: Esatto, allora facciamo... prima di parlare dell'italiano regionale, dacci qualche esempio di siciliano.
Qualcosa che secondo te io non capisco.
[Giada]: Qualcosa proprio di dialetto... catanese.
[Manu]: Dialetto stretto.
[Giada]: Catanese, in particolare potrebbe essere divertente dire [...].
[Manu]:[...]?
[Giada]: Raddoppia la n.
[Manu]: Accento bruttissimo.
Allora... ma secondo voi che significa?
Ripeti per favore.
[Giada]: [...].
[Manu]: Ma che cosa... non lo so.
Non ne ho idea.
Voi ragazzi nella chat?
Vediamo se nella chat c'è qualche idea o nei commenti.
[...] è bellissimo, ha un suono bellissimo.
[Giada]: Ti piace?
[Manu]: Però secondo me nessuno ha capito.
Che significa, dimmi.
Perché neanch'io ho capito.
[Giada]: Potrebbe avere due significati diversi.
1: Ma cosa stai dicendo?
[Manu]: Ma cosa stai... oh, Lance l'ha detto, c'è Lance che ha scritto "che cosa stai dicendo".
[Giada]: Benissimo.
[Manu]: Wow.
[Giada]:2: Ma cosa me ne frega.
[Manu]: Ma cosa me ne frega, quindi... ok.
Quindi che significa non mi interessa praticamente.
[Giada]: Sì, esattamente.
[Manu]: Figo, bellissimo.
Attenzione che diventi buia.
Ti vogliamo vedere.
[Giada]: Oh, bene.
Qualcos'altro dai.
Ancora qualcosa dialetto e poi parliamo invece dell'italiano regionale, perché quello lo capiamo tutti.
[Giada]: Bene, andiamo sul divertente che non corrisponde al vero in questo momento, giuro. [...]
[Manu]: Ripeti, per favore.
[Giada]:[...].
[Manu]: Ok adesso diccelo veloce, cioè normale.
[Giada]:[...].
[Manu]: Ok vedo che gatto nero dice "drunk".
Sono ubriaco come... come cosa?
[...].
[Giada]: Signa.
[Manu]: Una signa?
Che è una signa?
[Giada]: Una scimmia.
[Manu]: Ah, ovviamente.
Come in latino, no?
[Giada]: Esattamente.
Esattamente.
[Manu]: Che non è vero.
[Giada]: No, no, giuro.
Era un esempio più divertente.
[Manu]: Carinissimo.
Ma allora parliamo invece delle particolarità del... dell'italiano parlato a Catania o... questo qui è più generale, possiamo dire l'italiano parla di in Sicilia forse, più o meno.
Quali sono secondo te le caratteristiche principali che distinguono la parlata siciliana rispetto alla parlata, la parlata, il modo di parlare italiano?
[Giada]: Ci sono appunto diverse caratteristiche che attenzione, anche se non si sta parlando in dialetto ma si sta parlando in italiano, identificano appunto la... l'appartenenza di una persona.
In particolare per il siciliano un esempio può essere le consonanti doppie.
[Manu]: Le consonanti doppie, ok.
Cioè?
[Giada]: Spesso una consonante, anche se è una sola consonante, si raddoppia.
Ti faccio un esempio.
[Manu]: Facci un esempio.
[Giada]: La camicia diventa "la cammicia".
[Manu]: La cammicia, quindi la doppia m.
La cammicia.
[Giada]: Un altro esempio: Io vengo da Catania.
Qui abbiamo un esempio differente, la melodia.
[Manu]: Parla ancora delle... delle doppie.
[Giada]: Ok.
Un altro... [Manu]: Altro... altro esempio delle doppie.
[Giada]: Quanto sei "bbello".
Mettiamo quasi tre "b".
Non due, quasi tre.
Quanto sei "bbello", no?
[Manu]: Questo... questo anche a Roma.
[Giada]: A volte le caratteristiche... [Manu]: Anche a Roma abbiamo due, tre "b", tranquillamente.
[Giada]: Si, accomunano.
Sì, sì, sì.
Oppure nominando sempre catania, oggi vado a "ccatania".
[Manu]: A "ccatania".
[Giada]: Come fosse una parola unica.
Oggi vado a "ccatania".
[Manu]: Secondo me la cosa però che distingue un siciliano per... nella mia... secondo me sono le vocali.
[Giada]: Essì.
[Manu]: Io capisco subito un siciliano se ha le vocali specifiche, anche le doppie, però le vocali.
Vero?
[Giada]: Essì, c'è proprio un sistema vocalico differente.
La... "e" e la "o" sono sempre aperte.
[Manu]: Sempre aperte... quindi qualche esempio?
[Giada]: Ad esempio letto, ho letto.
Come se fosse una "a" quasi.
Ho letto.
[Manu]: Ok, ma anche in italiano diciamo ho letto o no?
[Giada]: Ho letto.
Io la apro tanto.
[Manu]: Ah, tu la apri di più, ok, ok.
[Giada]: Sì, sì, sì.
[Manu]: Ma per esempio la cosa che io noto con i siciliani è la lunghezza delle vocali anche, sono molto più lunghe delle vocali italiane.
[Giada]: Eh sì, eh sì.
Io quando ti ho fatto questo esempio... credo che anche quando parlo a una velocità normale la lunghezza della vocale è questa: Oggi ho letto.
Molto lunga.
[Manu]: Ok, facciamoci uno scambio in italiano però a velocità normale.
[Giada]: Sì.
[Manu]: Perché come sapete questo programma è in italiano lento per aiutare gli studenti.
Ma facciamo uno scambio in italiano normale, quindi rispondimi con le tue vocali però.
[Giada]: Bene.
[Manu]: Che cosa hai fatto oggi?
[Giada]: Oggi sono stata a pranzo a mangiare sushi con una mia amica.
[Manu]: Ok, dillo più naturale, non era naturale dai.
[Giada]: Ok.
Oggi sono stato a pranzo a mangiare sushi con una mia amica.
[Manu]: Ok.
[Giada]: Amica, è vero.
[Manu]: Amica.
[Giada]: Vocali molto lunghe.
[Manu]: Sì, sì, sì.
C'è un altro tratto distintivo del siciliano?
Dell'italiano parlato in Sicilia?
[Giada]: Secondo me tra i più importanti la melodia.
[Manu]: Sì.
[Giada]: Noi, soprattutto devo dire il catanese, quindi Sicilia orientale, modula la voce, quindi intona la voce in un modo melodico, come se fosse una canzone.
[Manu]: Sentiamolo.
[Giada]: Ti faccio sentire, perché quando parlo in italiano, cerco un po' di camuffarlo.
[Manu]: Sì, cerchi di nascondere che si di catania un po'.
[Giada]: Penso un po' tutti lo facciamo.
[Manu]: Sì, sì.
Sì.
[Giada]: Vediamo, mi impegno.
[Manu]: Vai, vai.
[Giada]: Io sono di catania, sono contenta di essere qua e sono felice di lavorare per Italy Made Easy.
Oggi c'è stato il sole ed era molto bello.
[Manu]: Oggi c'è stato il sole ed era molto bello.
Sono pessimo.
[Giada]: Va bene.
[Manu]: Mentre in italiano come... come lo diresti?
Eliminando l'accento catanese.
Vabbè adesso non ti ricordi, ma più o meno.
[Giada]: Sono di catania, lavoro con Italy Made Easy e sono molto felice.
Oggi c'era il sole ed era molto bello.
[Manu]: È diversissimo.
Non so se voi studenti, 222 studenti e poi migliaia di studenti... sentite la differenza fra... quando Giada parla in italiano ma con l'accento siciliano e quando parla italiano standard?
È molto diverso per... per una persona che che ascolta bene.
Le parole sono le stesse.
Ma adesso noi abbiamo in programma, fra tre settimane, abbiamo un programma, uno speciale sull'italiano regionale e sui dialetti e avremo ospiti.
Non un dialetto ma tre.
Quindi avremo quattro persone che vi parlano di dialetti e di italiano regionale.
E parleremo dell'italiano regionale nel nord, centro, sud e isole dell'Italia e troveremo parole diverse in italiano, ma con te possiamo già fare un esempio.
La parola più comune, più facile che mi viene in mente.
In italiano abbiamo un frutto che in inglese si chiama watermelon.
Come lo chiami tu il watermelon.
In italiano.
[Giada]: In italiano standard dovrebbe essere anguria.
[Manu]: No, no, dimmi tu come... come dici tu.
[Giada]: Noi melone.
Melone.
[Manu]: Melone, quindi in italiano tu parli del melone.
Ma in Italia il melone è un altro frutto, non è watermelon.
Ok.
Quindi tu dici melone parlare... per parlare di quello che io, a Roma, chiamo cocomero.
Io lo chiamo cocomero.
In altre parti d'Italia, come leggo nei commenti, si chiama anche anguria.
E questo è l'italiano normale... normale di varie regioni d'Italia.
Non parlando dialetto usiamo parole diverse, ogni tanto.
[Giada]: Esattamente.
[Manu]: Esatto.
Vediamo, avete qualche domanda?
Facciamo qualcosa di divertente.
Volete sapere da Giada, nel suo dialetto, come si dicono alcune parole?
scrivete nella chat che parole volete sentire... anch'io da Giada in dialetto.
Se sono diverse alcune possono essere uguali.
Quindi secondo me pensate a oggetti, perché generalmente nei dialetti sono gli oggetti che hanno le parole più diverse.
Le cose.
Per esempio amore forse si dice uguale, come si dice amore?
[Giada]:[...].
E quindi i concetti astratti sono molto spesso... sono simili.
Ma le cose pratiche sono diverse.
Quindi, vediamo se Cristiana ha selezionato una parola perfetta per vedere se in... in catanese è diversa dall'italiano.
Vediamo se Cristiana ci ha scritto qualcosa... sta scrivendo... è... io non so se... non ce... ce li hai in Sicilia questi animali?
[Giada]: Hai detto... hai fatto una bella osservazione.
Non mi viene in mente un termine per scoiattolo e credo perché è raro trovarli qui.
[Manu]: Sì.
[Giada]: Aggiungerei istintivamente [...].
Usiamo tante "u" a catania.
[Manu]: Tante "u", sì.
Quindi no.
Perché scoiattolo è un animale che non esiste... in Sicilia, non è comune.
Vediamo se questa la conosce... ce l'hai.
Mestolo.
[Giada]: Sì, sì.
il mestolo si usa per la zuppa, per la minestra.
[Giada]:[...].
[Manu]:[...].
Ok, quindi io che sono italiano non capirei.
Se tu dici cuppinu io non capisco.
Però... [Giada]:Manu, passami un [...].
[Manu]: Passami un [...].
No?
[Giada]: No.
[Manu]: No.
Adesso il mio caffè è freddo, non vale la pena berlo.
[Giada]: No.
[Manu]: Quindi [...].
Ma la cosa bella... nei dialetti, come con l'italiano, il contesto è tutto.
Quindi se Giada mi dice:"passami un [...]" o "passami il [...]".
Io sono in cucina e c'è un mestolo in cucina, capisco.
Quindi il contesto alla fine è tutto, no?
Come quando....
Come con l'italiano.
Ok, vediamo abbiamo un'altra parola: Scatola.
Scatola, box.
[Giada]: Questa è molto interessante.
La derivazione è francese.
Abbiamo [...].
[Manu]: La [...].
Bellissimo.
[Giada]: La [...], da boîte francese.
[Manu]: La [...].
Nel frattempo vedo nella chat.
No.
[...] significa mestolo, ladle.
Quindi scatola:[...].
Farfalla.
[Giada]: Allora, un termine carinissimo è... per la farfalla è [...] [Manu]: Che?
[Giada]: Eh sì, qui è strano.
[...].
[Manu]: Quel suono.
Il suono fra la "pu" e la "ra" è un suono che non esiste in italiano.
[Giada]: Esattamente, hai detto bene.
[...], questo suono lo usiamo tantissimo.
Come in [...] per dire bello, [...].
[Manu]: Quindi una... "d" e una "r" mischiate.
[Giada]: Sì, sì.
[Manu]: Wow.
[Giada]: E abbiamo anche un suono che in italiano non esiste ma gli anglofoni lo conoscono bene.
1,2,3... uguale a country, the same.
[Manu]: Country.
[Giada]: Ce l'abbiamo.
[Manu]: Perfetto, quindi voi anglofoni potete imparare il siciliano, il catetere.
Bello.
Ok, ho visto una domanda interessante:"ci sono parole arabe che tu riesci a ricordarti?".
[Giada]: Allora... [Manu]: Perché sicuramente.
L'influenza dell'arabo nella lingua siciliana è stata grande.
[Giada]: È stata grande.
[Manu]: Ti viene in mente qualcosa?
[Giada]:[...].
[Manu]:[...], esatto sì.
[...].
Che significa [...]?
[Giada]: Lo [...] è un tipico liquore dolce.
[Manu]: Sì.
Lo sai che dove... da dove vengo io, a nettuno, Roma, [...] è la parola per... uva passa.
Quindi la... l'uva secca.
Che in inglese si dice... [Giada]: È collegato.
[Manu]: Sì.
Quindi zibibbo è una parola araba, esatto.
[Giada]: Essì, è questo liquore, sarà sicuramente estratto dall'uva.
[Manu]: Sicuramente è uva, sì.
Cristiana, abbiamo un'altra parola che secondo te in siciliano è diversa?
Se la va scrivi sullo schermo noi ve la diamo.
Nel frattempo mentre ci pensiamo se vi piace questo tipo di contenuti io vi chiedo per favore di fare non una, non due, tre cose.
Fai mi piace, iscriviti al canale se non sei iscritto e, numero tre, guarda la playlist con tutti i video di caffè italiano con Manu che sono 20.
Sono 20 video in italiano lento.
E ieri quando parlavo con Giada ho detto intrattenimento in italiano lento e mi piace alla melodia e quindi la userò tutti i giorni.
Intrattenimento in italiano lento perché questo è vero, non sono elezioni.
Questo è intrattenimento come se fosse guardare la televisione ma guardare un film in italiano è veramente difficile.
Per uno studente di italiano guardare un film in italiano è difficilissimo.
Uno perché parlano velocissimo, due perché molto spesso nei film si usa il dialetto e tu non lo sai se stai ascoltando il dialetto o se ascoltando l'italiano.
Qui invece, con noi di Italy Made Easy sai sempre che ascolti l'italiano o in questo caso no perché ti diciamo che è siciliano.
Comunque Marta ha guardato già tutti i video di caffè italiano, brava Marta.
Un'altra parola per te.
Pesce.
[Giada]: Pesce c'è solo un cambiamento di vocale in "i".
[...].
[Manu]:[...] tutte e due le vocali.
[Giada]:[...].
[Manu]: Oddio, in italiano non è una bella parola.
[Giada]: No.
[Manu]: Perlomeno a Roma non è una bella parola.
[Giada]: No.
[Manu]: Ok, però... [...] significa pesce.
Perché... ne abbiamo un'altra e poi magari chiudiamo questa bellissima chiacchierata perché... adesso è tardi per te.
Che ore sono in Italia?
[Giada]: In questo momento sono le 23:27.
[Manu]: Quindi ok, le 11:30 praticamente, di sera.
È tardi per te?
[Giada]: Sai, noi siciliani andiamo a letto un po' tardino in media.
[Manu]: Tu di solito a che ora vai a letto?
[Giada]: Non prima di mezzanotte.
[Manu]: Non prima di mezzanotte, ok.
Sì.
Invece volevo anche ringraziare, già che ci troviamo qui, alessia e Cristiana di Italy Made Easy che sono in chat.
Voi state parlando in chat con alessia e Cristiana di Italy Made Easy.
Lavandino.
Prima di tutto, se non sai che cosa significa lavandino in italiano è quella cosa che è nel bagno o in cucina che serve per lavarsi le mani praticamente, apri l'acqua lavi le mani.
Lavandino.
In siciliano?
È uguale.
[Giada]: E... c'è una... un modo particolare di chiamare il lavandino.
Pila.
[Manu]: Pila, wow.
In italiano è un'altra cosa.
La pila è una batteria.
[Giada]: È la batteria.
[Manu]: Pila.
[Giada]: Anche se si riserva solo al lavandino dove si lavano i vestiti.
È molto particolare.
[Manu]: Specifica, sì.
[Giada]: Molto specifica.
[Manu]: Specifica.
Io avevo... si dice... pia in brasiliano.
Mi dicono che pia è la parola di quella cosa in brasiliano.
O in portoghese, brasiliano.
[Giada]: Vedi?
Tutto torna sempre.
[Manu]: Tutto torna, sì.
Il mondo è collegato, il mondo è collegato, le lingue sono bellissime e tu che sei studente di italiano lo sai.
Sei qui che guardi questo programma da mezz'ora e spero si intra... ti stia intrattenendo, ti stia piacendo.
Ti stia piacendo.
Ti piace, ti piace questo video.
Ma forse è ora di chiudere perché è tardi.
Perché è tardi per lo meno per... per te.
No, non è per tardi per te ma vabbè, dai.
Allora io ti ringrazio tanto Giada, sei stata un angelo come sempre e se voi volete parlare con Giada la trovate su Italy Made Easy Academy e lei può aiutarti con l'italiano a... a parlare.
Vuoi salutare in un modo particolare qualcuno?
Vuoi salutarci in siciliano?
[Giada]: Si! [...].
[Manu]: Io l'ho capita, ripeti dai.
Io l'ho capita.
[Giada]:[...].
[Manu]: Vediamo se nella chat indovinano.
Io intanto ti ringrazio Giada, un bacione.
[Giada]: Grazie mille.
[Manu]: Ci sentiamo dopo per il lavoro.
Buona pasqua, buon weekend e buona pasqua.
[Giada]: Buona pasqua, auguri a tutti.
[Manu]: Ciao ciao.
Quindi... vediamo se avete capito che cosa ha detto Giada.
Non lo vedo nella chat.
Sei ancora qua Giada?
Pensavo di averti tolt... di averti tolta.
Eccoti.
Ma mettiamo la chat, vediamo se qualcuno ha indovinato cosa ha detto Giada prima di salutarci.
In spagnolo sì.
Ha detto "andiamo che è tardi".
Questo non mi serve più.
Io ragazzi vi ringrazio, è stato un piacere e un divertimento fare questo video, tornate la settimana prossima, stessa ora, stesso posto per un video simile ma dove parliamo del dialetto re... no, dell'italiano regionale di napoli, quindi l'italiano della regione Campania, in particolare di napoli e del dialetto napoletano.
Io vi do un bacione e come ho detto prima guardate tutta la playlist di questi video in italiano perché sono divertenti e utili, molto utili perché ti permettono di ascoltare...

Looking for a Structured, Ongoing program to Learn Italian? Check out 'From Zero to Italian' then!